(Rn

Wb Ah ei KA

king (ca? H

rund

DACH en

Pre prima rer ee EN a HO 4 Ian:

GEN, wu

HANN

DS

pra at Le

er Gm EZ E

Oh. At A tetar tay iir. ik eh ae a Lu PEL Hai ËCH BT

u

+ Hint ten bok, Jul da Pa à

SERA LA en ae er RT mag

MCT SE La prometo RA Agi m

PRE ten ent

avervi

AE ve ater RAR R

A ¡vit pls 1 yr y de dau ess tre DM D EN ANRT

CS tam en" Y

LT

pure MaI ke

A zept stig PS bte re RO A y rat Landa 908 dar Na kb EEE ei E Me BH rod y A da be e AS is pd BA

EX? EM ves "oe

A c] reas VERA Nere AIN siae

H e kA EN Ae Pa "be

A

A Air =

e A A

ead

dia N wea heb eager lens WAN, 207

UHT)

rai ne

EN ELITE, ae Re

Dee Ven uk: E i a E Fe SE BETT Ra

PINO ps

äs 23

d Arme d > Her te

rbd

N

Ir er A

MELI ets

Cars He

IN Beh

MA qui QE

ion wi KA PI 4 Pr

EL EL ren

EECH

Ge SEN A LEE LI Ai Wel

d

5 Ga Ei is

mb

ne

wer Le,

nee! Po

"age freë

AA, and

e ARES ee

ze

a EE

e

WEEN = bbe ern er; A A

è

=a

From.

H E ¢ zl La A a) Fi a è y A Z OS e REIT y / SH is - À y 5 ji ch | | / d N

A dev s Sa A Ra m vata KT do » AS AR ` A | Nn eh A N SA rr NER ATA EV da NINA TOS i de "ei ie) ot Ha pa PAT |, 4 i se Me ` i - | I " È i EEE et E Pid EL, Än . E AA dan 4

ELISA fis do Al e KEN | HAN ` A

+ ` 7 cn 4 it Géi | T E K

` E As > 6 LS d

TAGS NE | ps We H 3 > sl) ; > al a RUN i e A n e

f E x bag” VA

ST ën 4 par de

RSA de sala

y N 2 | k 4 Di "A i Per È - i w

+ pre ARA d WS KE È 2; |

A Me q NE wy Aa n ; Í D x » CS: avid 3 Sy PAD I î + AE BE RI AS: IN AP AAA Ee EE | CF 23 de À No ee FT Ko 4 AREAS UNE AM PEN pra K OP. GAN: Leg,

2 Mir aa” Y LS Y

ST > N oer

> 1 PERO ` y

Sa PA Karl 2

ee

EN RAA KEE A

ER ER

è a | / > Mo

| EI Nera

A SURVEY OF NUMISMATIC RESEARCH 1972-1977

ASURVEY OF NUMISMATIC RESEARCH

2372-1977

Edited by

ROBERT CARSON, PETER BERGHAUS AND NICHOLAS LOWICK

000000000 EIER EECH EE EN

V 2

Anternational Numismatic Commission

Berne 1979

International Association of Professional Numismatists

Publication No. 5

All Rights Reserved by The International Numismatic Commission and

The International Association of Professional Numismatists

PRINTED IN BELGIUM AT CULTURA, WETTEREN

Contents

ANCIENT NUMISMATICS. Edited by R.A.G. Carson, London

GREEK NUMISMATICS

THE ARCHAIC AND CLASSICAL PERIODS

J 1. Italia e Sicilia. A. Stazio, Naples. 1 2. Mainland Greece / (a) Les Régions balkaniques et le littoral septentrional du pont Euxin. Gh. Poenaru Borpea, Bucharest. 23 (b) From Macedonia and Epirus to the Peloponnese, with the Sporades, Cyclades, and Crete. Jennifer WARREN, London. 29

Re Kleinasien. Herbert A. Cann, Basel. 38 THE HELLENISTIC PERIOD Y1. Greece to India. Otto MoRKHOLM, Copenhagen. 60 72 Les régions balkaniques et le littoral septentrional du pont , Euxin. Gh. POENARU BorDEa, Bucharest. 98 SB. Carthage, N. Africa, the Iberian Peninsula, Gaul. G. K. JENKINS, London. 106

GREEK COINAGE UNDER THE ROMAN EMPIRE

Fe CARRADICE and Martin Price, London. 118

CELTIC NUMISMATICS

d Numismatique celtique : L’Ouest. Simone SCHEERS, Leuven. 127 ¿Das keltische Múnzwesen in Mitteleuropa (Tschechoslowakei, Y Polen, Schweiz, Österreich, J ugoslawien, Ungarn). Z. NEMESKA-

LOVÁ-JIROUDKOVÁ, Prague. 139

V Les monnaies des Géto-Daces. Constantin Prepa, Bucharest. 155

ROMAN NUMISMATICS

di The Roman Republic. Michael CRAWFORD, Cambridge. 161 of The Roman Empire from Augustus to A.D. 284. William E. MET- CALF, New York. 177

/Le Bas-Empire (284-491). P. Bastien, Cranbury, N.J. 192

CONTENTS

MEDIEVAL AND MODERN NUMISMATICS. Edited by P. Berghaus,

Münster

/Byzance. C. Morrisson, Paris. V Haut Moyen Age. F. Dumas, Paris. /The Latin Orient. J. J. SLocum, Newport, R. I. /Scandinavia. J. STEEN JENSEN, Copenhagen. / Niederlande. H. ENNo vAN GELDER, The Hague. d Belgique-Luxembourg. R. WEILLER, Luxembourg. J England, Medieval. C. E. BLUNT, Ramsbury, Wilts. / England and Wales after 1648. H. E. Pacan and R. H. THOMP- son, London. / Scotland. B. H. I. H. STEwART, London. / Ireland. D. W. Dykes, Cardiff. JV France. J. DupLessy, Paris. / Deutschland. J. WESCHKE, Frankfurt. Schweiz. E. B. Camn, Basel. d Österreich, Mittelalter. B. Koch, Vienna. JÖsterreich, Neuzeit. H. JunGwirTH, Vienna. /Italia. S. pop Caro Barsi, Rome. /España-Portugal. L. ViLLARONGA, Barcelona. Ÿ Poland. M. MECLEwsKA, Warsaw. /Tschechoslowakei. E. Sımex, Prague. /Ungarn. I. GepAI, Budapest. umänien. I. GEDAI, Budapest. /Jugoslawien. I. GeEDAI, Budapest. / Western Hemisphere. R. G. Dory, New York.

213 236 245 247 263 269 271

278 283 285 291 302 319 323 327 333 349 362 379 387 392 397 399

ORIENTAL NUMISMATICS. Edited by N. M. Lowick, London

AFRICA

VAL Primitive money in Africa. L. MeLTZER, Cape Town. 2. Ethiopia and Sudan. R. PankmurstT, London. va. Mediaeval East Africa. N. M. Lowick, London. „A. Modern African States. N. M. Lowicx. London.

Vi

407 413 416 417

CONTENTS

MIDDLE EAST

A. Sasanians, Kushans, Kushano-Sasanians, Hephthalites. A. D. H. Brvar, London.

J Islamic Near and Middle East. N. M. Lowicx, London.

Ja Armenia, Georgia. N. M. Lowicx, London.

INDIA

A. Ancient India. T. R. HARDAKER, Oxford. /2. Early mediaeval North India. D. W. MacDowatt, Lon- don. VA Muslim and Modern India. €. K. PanIsH, Westport, Conn. /A. South India. B. D. CHATTOPADHYAYA, New Delhi. FAR EAST 2 China, Japan, Korea, Annam, South-East Asia. J. E. CRIBB, London.

/MEDALS. L. BORNER, Berlin.

INDEX

VII

418 429 460

461

467 469 475

480

493

503

a “eae LA ad art L sedas e vá: SA DS

Preface

The Executive Bureau of the International Numismatic Commission has decided to make some changes in the presentation of the Survey of Numismatic Research. The considerably abridged form of the current volume was decided upon, not only because of the formidable and con- tinuing rise in publication costs, but also in an endeavour to produce a more meaningful account of recent research. While it is unquestionably a great facility to have all the bibliographical references of each series conveniently collected in one volume, it was felt that the endeavour to include every reference resulted in anything but a clear picture of the development of each series, and that, in any case, there was already in existence in Numismatic Literature the complete range of bibliographi- cal references. Contributors to the Survey, therefore, were asked to exercise a degree of critical selection and appraisal and to produce for each series a clear account of development and progress over the past five years.

The editors would like to place on record their gratitude and appre- ciation for the co-operation of the many contributors to the volume. Thanks to their willingness to undertake a difficult and onerous task it has been possible to put together this volume which surveys as far as possible numismatic research in every series. Thanks are also due to Thomas Hilgemann of Münster for undertaking the production of the Index of Authors.

The editors also wish to take this opportunity of thanking most warmly the International Association of Professional Numismatists, through whose generosity in meeting the cost of publication, the pro- duction of this Survey has been made possible.

Editors: R. A. G. Carson, Peter BERGHAUS, N. M. Lowick.

IX

GREEK NUMISMATICS

A. ARCHAIC AND CLASSICAL PERIODS

Italia e Sicilia

Attilio Stazio

Il periodo che si era chiuso col Congresso di New York-Washington (1973) era stato caratterizzato dal grosso sforzo di procedere ad una radicale revisione e all’aggiornamento bibliografico delle notizie relative ai tesoretti monetali, in particolar modo a quelli di monete greche. Il frutto più cospicuo di tale sforzo fu la riedizione della vecchia e be- nemerita Bibliography of Greek Coin Hoards di S. P. Noe, che, comple- tamente rifatta nei metodi e nei criteri a cura di un comitato di specia- listi, per incarico della International Numismatic Commission, fu pub- blicata appunto in occasione di detto Congresso. Questo nuovo e, nono- stante qualche riserva di metodo, apprezzato repertorio, è ordinato non più alfabeticamente come quello del Noe, bensì per ambiti geografici e cronologici ed elenca, per quanto riguarda l’Italia antica, 410 tesoretti, di cui 187 relativi all'Italia peninsulare, 200 alla Sicilia e 23 alla Sar- degna e a Pantelleria (questi ultimi, tuttavia, aggregati stranamente al settore dedicato al Nord Africa, data, evidentemente, la prevalenza in essi di monete puniche).

Una iniziativa egualmente benemerita è quella intrapresa, in un più ampio arco di interessi, dalla Royal Numismatic Society di Londra con la pubblicazione del periodico annuale Coin Hoards,* destinato sia a dar notizia di nuovi rinvenimenti di tesoretti di qualsiasi epoca e località, sia

1. THompson, M., MorKHoLm, O., Kraay, C. M., ed., An Inventory of Greek Coin Hoards, New York, 1973.

2. BREGLIA, L., Nuovi strumenti di informazione numismatica, AIIN 21-22 (1974- 75), 215-222.

3. Coin Hoards, I (1975), II (1976).

ATTILIO STAZIO

ad aggiornare la bibliografia relativa a tesoretti giá precedentemente noti. Alla ricca documentazione ivi raccolta si aggiunge qui qualche notizia di rinvenimenti recenti e pertanto ancora inediti o di pubblica- zioni non citate in detti repertori: il tesoretto di Amendolara, composto di 42 incusi (stateri e frazioni) di Sibari (25), Metaponto (13) e Crotone (1); il rinvenimento, nella stipe votiva di Garaguso,* contrada Fontanella, proprietá Autera, di un gruppo di monete arcaiche, in massima parte in- cuse, di Taranto (2), Metaponto (3), Sibari (3), Crotone (1), Caulonia (2), Poseidonia (1), databili dal 540 al 470 a. C. ca; altri tre tesoretti da Va- lesio, che vanno ad arricchire il già cospicuo nucleo di rinvenimenti do- cumentati per quel centro: Valesio-Masseria Grande-1936,6 composto da 1 statere di Taranto, 1 di Crotone e da un obolo di Turio; Valesio 1950,” composto di 33 stateri di Taranto; Valesio 1960,8 composto da un numero imprecisato di monete di Taranto, Metaponto e Turio; il tesoretto da Mesagne, località Muro Tenente, 1969, composto di 357 monete d’argento, fra cui almeno 279 di Taranto e 3 di Turio; i due tesoretti rinvenuti nell’area sacra di Porto Saturo (Taranto) durante regolari scavi nel 1977 e composti rispettivamente di 1060 monete (5 aurei di Taranto, 176 stateri e 879 frazioni d’argento quasi esclusivamente di Taranto) e gioielli vari e di 1242 monete (1 aureo di Taranto, 22 dramme, 1217 frazioni e 2 bronzi di Taranto e di altre cittä); il tesoretto da Roseto Capo Spulico* (Cosenza) originariamente composto di un centinaio di monete, fra cui sono stati recuperati 10 stateri, di Sibari (1), Metapon- to (2), Crotone (4), Taranto (3); i tesoretti da Oppido Lucano!® (IGCH 1961), da Timmari! (55 monete di Taranto, 3 di Metaponto, 42 di Turio, 6

4. MorgL, J. P., Taranto nella civiltà della Magna Grecia, (Atti del X Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto 1970). Napoli, 1971, 491. 5. Si noti che alla stessa Valesio vanno ascritti anche i rinvenimenti registrati sotto il nome di Torchiarolo (IGCH 1915, 1977, 1978). 6. Delli Ponti, G., Carta archeologica, foglio 204 (Lecce), Firenze, 1968, 8. 7. TRAVAGLINI, A., Tesoretti monetali da Valesio, AIIN 20 (1973), 20-27; ivi sono editi compiutamente altri due tesoretti, gia insufficientemente noti (1GCH 1960 e Coin Hoards II, 9). 8. FRANCO, A., I colonizzatori elleni e le genti della penisola salentina, La zagaglia 15 (1962), 27, 16-17, n. 24. 9. Guzzo, P. G., AIIN 21-22 (1974-1975), 203-208. 10. PANVINI RosATI, F., Il ripostiglio monetale rinvenuto ad Oppido Lucano, Antiche civiltà lucane, Galatina, 1975, 343-360. 11. BURNETT, A., The Coinages of Rome and Magna Graecia in the late Fourth and Third Centuries B.C., SNR 56 (1977), 103.

2

ITALIA E SICILIA

di Terina, 8 di Neapolis, 8 di Velia, 1 romano-campana), da una impreci- sata località della Campania!? (2 monete di Cuma, 64 di Neapolis, 4 romano-campane), da S. Giovanni Jonico!* (monete di Taranto, Meta- ponto, Turio, Heraclea, Velia, Neapolis, pegasi di Acarnania), da una località imprecisata dell’Italia! (35 monete di Neapolis e diverse roma- no-campane), da Vibo Valentia! (866 monete d’argento dei Bretti), da S. Eufemia vetere! (42 monete in bronzo di Tolomeo II, 1 di Velia, 3 di Reggio, 21 di Siracusa, 15 di Roma), da Velia!” (333 monete in bronzo di Velia, 26 in argento e 27 in bronzo di Roma); da Pantelleria!8 ([GCH 2297).

Si aggiunga infine che una attenta indagine di ParIsE! ha accertato la pertinenza a un unico tesoretto, verisimilmente rinvenuto nella zona di Reggio, dei materiali tradizionalmente assegnati ai rip. Calabria 1833 (IGCH 1891) e Gerace 1845 (IGCH 1880). Una analoga discussione si è aperta in merito al ritrovamento di Mesagne? 1907 (IGCH 1971), che MITCHELL ipotizza possa essere riferito a due diversi tesoretti, mentre BURNETT insiste nel considerare unico. È da segnalare, infine, che la pubblicazione del nuovo tesoretto di Asyut? ha indotto gli editori a proporre di abbassare dal 485 al 480 a. C. la data di seppellimento dell’altrettanto celebre, seppure ancora sostanzialmente inedito, teso- retto di Gela (TGCH 2066), con conseguenze sensibili per l'inquadramento della monetazione siceliota di quell’epoca (v. infra, p. 16).

12. BURNETT, A., ibidem, 99-100 e tavv. 27-29.

13. in corso di pubblicazione da parte di C. Böhringer; cfr., intanto, BURNETT A., op. cit. 102-103.

14. BURNETT, A., op. cit., 100-101.

15. Novaco Loraro, I., Ripostigli con monete brettie, AIIN 21-22 (1974-1975), 49-102.

16. ArsLan, E. A., Un tesoretto di monete bronzee del 111 sec. a. C. scoperto a S. Eu- femia vetere nel 1974, Klearchos 69-72 (1976), 65-82.

17. Greco PONTRANDOLFO, A., Ripostiglio monetale da Velia, AIIN 18-19 (1971- 1972), 91-111.

18. trasferito dal museo di Siracusa a quello di Palermo: Tusa CuTRONI, A., Riposti- glio di monete puniche da Pantelleria, AIIN 16-17 (1969-1970) 199-203.

19. PARISE, N. F., Sulla eircolazione di monete straniere a Locri fra eıv secolo. La documentazione dei ripostigli, Studi Miscellanei 22 (1974-1975), 169-176.

20. MITCHELL, R. E., RIN 21 (1973), 89-110; BURNETT, A., op. Cita, 101.

21. PRICE, M. - WAGGONER, N., Archaic Greek Silver Coinage-The “Asyut” Hoard, London 1975, 20.

ATTILIO STAZIO

Notizie di rinvenimenti monetali sporadici o effettuati nel corso di scavi regolari appaiono regolarmente nella rubrica “Vita dei Medaglieri” della rivista AIIN e, occasionalmente, in altri periodici o in pubblica- zioni di materiali da scavo; in particolare si segnalano i rinvenimenti di Sibari,® Caulonia, Velia,» Ordona, Veretum®, Pietrabbondante,?” Pyrgi, per la Sicilia di Naxos,?? Himera,?° Monte lato,3 per la Sardegna di Suleis.32

Notevole & stato anche il lavoro di catalogazione di pubbliche raccolte. Fra quelle contenenti monete greche d’Italia, di Sicilia o di Sardegna si segnalano anzitutto i fascicoli della SNG relativi alle collezioni della American Numismatic Society, di München? e di Stockholm; il vol. 2 del catalogo della collezione dell’Università McGill di Montreal (Ca- nada)? particolarmente ricca di monete di Taranto; in Italia i cataloghi della collezione civica di Reggio Emilia,” dell’Accademia di Cortona,38

22. Guzzo, P. G. AIIN 18-19 (1971-1972), 317-342; Spıco U. in NScavAnt 97 (1972), 54 ss., passim.

23. TOMASELLO, E., NScavAnt 97 (1972), 561-643.

24. BERNI BRIZIO, L., FA 24-25 (1974), 5026.

25. SCHEERS, S., BEx, F., Ordona IV (1974), 105-141 e 143-160.

26. PAGLIARA, C., Annali Università Lecce 5 (1969-1971), 121-136.

27. STRAZZULLA, M. J., ATIN 20 (1973), 31-98.

28. COLONNA, G., NScavAnt 95 (1970), suppl. 2, 1-2, 263-265, 440, 578-581, 647.

29. GUZZETTA, G., AIIN 21-22 (1974-1975), 209-211.

30. Tusa GUTRONI, A., Himera II-Campagna di scavo 1966-1973, Roma, 1976, 705- 780.

31. BLoEscH, H., IsLER, H. P., NScavAnt 97 (1972), 644-650.

32. ACQUARO, E., Riv. St. fenici I, 2 (1973), 205-206.

33. TROXELL, HYLA A., Sylloge Nummorum Graecorum. The Collection of the American Numismatic Society. Part 3. Bruttium-Sicily I, New York, 1975.

34. FRANKE, P. R., und KÜTHMANN, H., Sylloge Nummorum Graecorum. Deutschland. Staatliche Münzsammlung München, Heft 3. Kalabrien-Lukanien, Berlin, 1973; Heft 4. Bruttium-Karthager in Italien, Berlin 1974; FRANKE, P. R. und Gru- NAUER VOn HOERSCHELMANN, S. Heft 5. Sikelia, Berlin, 1977.

35. WESTERMARK, U., Sylloge Nummorum Graecorum. Sweden 1. The Collection of his late Majesty King Gustaf VI Adolf. The Fred Forbat Collection, Stockholm, 1974; Sweden 2. The Collection of the Royal Coin Cabinet; National Museum of monetary History. Stockholm. Part 1. Gallia - Sicily, Stockholm 1976.

36. SHLOSSER, F. E., The Me Gill University Collection of Greek and Roman Coins, vol. 2: Greek Gold and Silver Coins, Amsterdam, 1975.

37. BeLLOCCHI, L., Le monete greche (Catalogo della collezione civica), Reggio Emilia, 1974.

38. PANCRAZZI, O., RONZITTI ORSOLINI, G., Le monete della Accademia di Cortona, Annali della Accademia Etrusca di Cortona 14 (1968-1974), Pisa, 1975, 1-457.

4

ITALIA E SICILIA

dei musei civici di Udine,?? delle civiche raccolte di Milano e di Brescia,* delle monete puniche dei Musei di Cagliari e Sassari. Notizie, piú o meno dettagliate, su importanti raccolte di monete greche d’Italia sono quelle relative al Museo Archeologico Nazionale di Paestum, al Museo Provinciale di Brindisi,4 alle collezioni Mazzolini e Ferretti di monete etrusche nel Museo Archeologico Nazionale di Firenze.‘ Trattazioni d’insieme sulla monetazione della Sicilia e dell’Italia antica sono in opere sulla monetazione greca in generale, come quelle di JENKINS,” che nel fenomeno monetale tende a porre in rilievo maggiormente gli aspetti artistici, e di Kraay,* che ne delinea, invece, essenzialmente lo sviluppo storico, o nella recente collana dedicata alle civilta dell’Italia prero- mana, in un capitolo a firma di Srazio. Ancora sui valori artistici della moneta è degno di nota, nella recente collana Arte e Moneta di Bellinzona, ammirevole per la splendida qualità delle illustrazioni, il

39. MaAsutTI, V., Le monete dei musei civici di Udine, 1972.

40. BELLONI, G. G., Acquisti e doni per il civico Museo Archeologico e per il civico Gabinetto numismatico, Not Chiostro Mon Magg 3-4 (1969), Milano, 1970, 53- 70; FARINA, C., Monete di Gela del civico Gabinetto numismatico, ibidem 5-6 (1970), Milano, 1973, 11-17; ARSLAN, E. A., Le monete della Sicilia antica (Cata- logo delle civiche raccolte numismatiche di Milano) Milano, 1976; Le monete dei Bruzi nella collezione numismatica dei Civici Musei di Brescia, RIN 74 (1972), 51-62.

41. Acquaro, E., Le monete puniche del Museo Nazionale di Cagliari, Roma-C.N.R., 1974; FORTELEONI, L., AIIN 16-17 (1969-70), 315-371 (catalogo della collezione Vallero); Guido, F., Le monete puniche della collezione Forteleoni, Soprintendenza Archeologica di Sassari-quaderno 4.

42. SALLUSTO, F., Il Museo Archeologico Nazionale di Paestum, AIIN 16-17 (1969- 1970), 247-251.

43. TRAVAGLINI, A., Il Medagliere del Museo di Brindisi, AJIN 20 (1973), 235- 244.

44. CATALLI, F., Firenze-Museo Archeologico: collezioni Mazzolini e Ferretti, AIIN 21-22 (1974-75), 181-198.

45. JENKINS, G. K., Ancient Greek Coins, New York - London, 1972, (anche in trad. francese, Paris, 1972 e tedesca, München 1972).

46. Kraay, C. M., Archaic and Classical Greek Coins, London, 1976, cap. 9 (Magna Graecia), 161-203 e cap. 10 (Sicily), 204-238.

47. STAzIO, A., Storia monetaria dell'Italia preromana, Popoli e Civiltà dell’Italia antica, Biblioteca di Storia patria, Roma, vol. 7 (1978), 113-193; dello stesso, cfr. anche Recenti studi sulla monetazione della Sicilia antica, Kokalos XVIII- XIX (1972-1973) (Atti del III Congresso internazionale di Studi sulla Sicilia antica, Palermo 1972), 374-391.

ATTILIO STAZIO

bel volume di HoLLoway,* dedicato allo studio dei rapporti tra le monete italiote del v e rv sec. a. €. ei modelli di arte greca contemporanei e ten- dente a evidenziare, fra tali modelli, soprattutto quelli pittorici, gene- ralmente trascurati o sottovalutati dagli studiosi dell'argomento. Allo stesso tema dei rapporti tra arte e moneta, in Sicilia e in Magna Grecia, dall’età arcaica alle soglie dell’ellenismo, sono dedicate alcune osservazioni in un breve saggio di GraMmaTAPOL.' Nel settore delle ri- cerche di epigrafia metrologica (con l’attenzione, tuttavia, rivolta all’epi- grafia più che alla metrologia) va collocata una breve nota di JoHNSTON,5° che prende lo spunto dal peso in bronzo di Francavilla Fontana, pubbli- cato a suo tempo da P. Zancani Montuoro, per un confronto con altri documenti paralleli.

Il lavoro di analisi sistematica da tempo in corso da parte di numerosi e qualificati studiosi sulle emissioni di alcune fra le più importanti zecche dell’Italia e della Sicilia antiche non ha ancora dato gli attesi frutti: non hanno, infatti, ancora visto la luce i corpora monografici su Sibari, Siris-Pixous e Laos di STERNBERG,?! su Poseidonia di BREGLIA, su Velia di WILLIAMS, su Neapolis e le altre zecche della Campania di RurTER,%2 su Lo- cri di Pozzi, su Agrigento di WesTERMARK, su Leontinoi di BOEHRINGER, su Camarina di JENKINS e WESTERMARK, su Segesta di BÉREND, su Lipari di MANGANARO. Anche le anticipazioni, che alcuni fra gli autori citati hanno dato in recenti Convegni e Congressi, sono in massima parte an- cora in corso di pubblicazione nei relativi Atti: così le due relazioni sulla monetazione di Locri lette da Pozzı nei Convegni di Locri 1976 e di Napoli 19775 o quelle presentate al Convegno sull'inizio della moneta-

48. HoLLowaY, R. R., Art and Coinage in Magna Graecia (edizioni Arte e Moneta) Bellinzona, 1978.

49. GRAMATOPOL, M., Quelques considerations sur l’art monétaire de la Grande Grèce et de la Sicile, R. Roumaine Hist 9, 1 (1972), 3-11.

50. JoHNSTON, A. W., A south italian numeral system, PP 164 (1975), 360-366; cfr ZANCANI MONTUORO, P., ATIN 12-14 (1965-1967), 21-30.

51. STERNBERG, R. H., Die Silberprägung von Sybaris, Siris-Pyxous und Laos (in corso di edizione nella collana TYPOS della Schw. Num. Gesellschaft).

52. Rutrer, K., Campanian Mints, ca. 475-380 B.C. (in corso di edizione).

53. nel corso del 16° Convegno di Studi sulla Magna Grecia (Taranto-Locri 1976) dedicato a Locri Epizephiri, e nel corso del Colloquio su Le tavole di Locri or- ganizzato dal Seminario di Studi del mondo classico, dell’Istituto Universitario Orientale di Napoli (aprile 1977).

ITALIA E SICILIA

zione di bronzo nella Sicilia e nella Magna Grecia (Napoli CISN, 1977).54 E’invece apparsa, negli Atti del Congresso di New York-Washington, la comunicazione di STERNBERG® sulle emissioni argentee di Laos, che dall’esame delle sequenze di coni e delle riconiazioni risulterebbero ini- ziate, nella fase incusa, dopo il 510 a. C., per proseguire, con le serie a doppio rilievo, fino alla fine del v sec. a. C.

Il problema delle origini e delle prime fasi della monetazione italiota non ha cessato, anche in Italia, di attrarre l’attenzione dei ricercatori. Dopo la compiuta rassegna, ricca di spunti critici e problematici, di PARISE® per il Congresso di Taranto del 1972, e a parte alcune modeste esercitazioni scolastiche di alcuni giovani esordienti,” un intero volume di GoRINI8 è apparso nella già citata collana Arte e Moneta di Bellin- zona, interamente dedicato alla monetazione incusa e notevole soprattut- to per l’eccellente corredo di illustrazioni: in esso si azzardano le ipotesi che fra gli stimoli agli insediamenti di Sibari e Crotone vi sia stato l’approvvigionamento dell’argento, che sembra non mancasse in quella zona, e che la prima adozione del tipo del toro retrospiciente e l’inizio stesso della monetazione incusa siano da attribuire a Siris, anzichè a Sibari.

54. Il Convegno, organizzato dal Centro internazionale di Studi numismatici di Napoli, si è svolto dal 17 al 22 aprile 1977; hanno tenuto relazioni: WESTERMARK, U., The 5th century bronze coinage of Akragas; Kraay, C. M., The bronze Coinage of Himera and “Himera”; BÉREND, D., Segeste; PRICE, M., Selinus; MANGANARO, G., Lipari; HoLLoway, R. R., Syracuse; BÖHRINGER, C., Leontinoi und Katane; JENKINS, G. K., Gela-Kamarina; RuTTER, K., Messana and South Italy; Tusa CUTRONI, A., La circolazione della moneta di bronzo in Sicilia dalle sue origini a tutto il v sec. a. C.; Lacroix, L., La typologie du bronze par rapport à celle de l’argent; PARISE, N. F., La documentazione scritta relativa al sistema della litra; HAGKENS, T., Rapporto tra argento e bronzo nell’Italia meridionale ein Sicilia; PRICE, M., The function of early Greek Bronze Coinage.

55. STERNBERG, H. R., Die Silberprágung von Laos ca. 510-440 a. C., Actes Con- grés international de Numismatique (New York-Washington, 1973), Paris-Bále, 1976, 143-162.

56. PARISE, N. F., Struttura e funzione delle monetazioni arcaiche di Magna Grecia. Appunti per un riesame dei dati e degli orientamenti attuali, Economia e società della Magna Grecia (Atti del XII Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto 1972) Napoli, 1973, 87-129.

57. BELLANI, L., Ipotesi sul ritardo della introduzione delle monete in Magna Grecia e in Sicilia, QTicNumAntClas, II (1973), 7-14; Savio, A., Considerazioni sugli in- cusi della Magna Grecia, ibidem IV (1975), 7-16.

58. GORINI, G., La monetazione incusa della Magna Grecia, (edizioni Arte e Moneta), Bellinzona 1975.

ATTILIO STAZIO

Srazıo,5 invece, prendendo spunto dalla monetazione di Metaponto di cui esamina alcuni significativi momenti, tende a suggerire per questa e, insieme, per quelle di Sibari e di Crotone, una data d’inizio intorno al 930 a. C., in connessione con le vicende relative alla distruzione di Siris e in coerenza con la più aggiornata cronologia delle primitive emissioni siceliote. Sul complesso periodo tra la distruzione di Sibari e la fonda- zione di Turio torna BICKNELL,® che esprime il suo netto disaccordo con la posizione del Kraay e nega l’esistenza della “II Sibari” e, di conse- guenza, delle emissioni ad essa attribuite. Appaiono quindi giustificate, nello stesso numero della stessa rivista, le riserve venate di scetticismo di Guzzo, che dal tentativo di integrare le notizie della tradizione let- teraria con la documentazione archeologica e numismatica ricava la conclusione che solo una sistematica esplorazione sul terreno potrà, forse, offrire nuovi dati per una soluzione del problema. Per altri centri ita- lioti l’attività dei ricercatori si è limitata a contributi di dettaglio su questioni per lo più tipologiche e di inquadramento.

Si distingue Poseidonia-Paestum su cui l’indagine ha ricevuto un note- vole impulso grazie, soprattutto, al Convegno del Centro internazionale di Studi numismatici, svoltosi a Napoli nel 1971, i cui Atti hanno visto la luce nel 1973.88 Il tema di detto Convegno, circoscritto alla monetazione

59. Srazio, A., Osservazioni sulla monetazione di Metaponto, Metaponto (Atti del XIII Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto 1973) Napoli, 1974, 67-106.

60. BICKNELL, P. J., The tyranny of Kleinias at Kroton, Xlearchos XVIII, 69-72 (1976), 20-23, in particolare Appendix 1, 20-23; cfr Kraay, C. M., NC 1958, 13-37.

61. Guzzo, P. G., Tra Sibari e Thurii, Klearchos XVIII, 69-72 (1976), 27-64.

62. ad es. JENKINS, G. K., Note sur quelques monnaies d’or de Tarante, BCEN 11,1 (1974), 2-7; Lacrorx, L., Etudes d’ Archéologie Numismatique, Paris, 1974, passim; id. Les types des monnaies grecques, Numismatique antique. Problémes et méthodes (Actes du Colloque de Nancy 1971), Nancy-Louvain, 1975, 153-163; SALLUSTO, F., I] materiale “tipo Auriol” e le frazioni arcaiche veline: note sulla tipologia della protome di leone che azzanna la preda, RIN 77 (1975), 49-53; EBNER, P., Altre epigrafi e monete di Velia, II. Monete, PP 178 (1978), 68-73.

63. La monetazione di bronzo di Poseidonia-Paestum (Atti del III Convegno del Centro internazionale di Studi numismatici, Napoli 19-23 aprile 1971), Supple- mento al volume 18-19 degli AIIN. Roma, 1973.

Di tale Convegno una breve notizia fu data già nel Survey of Numismatic Re- search 1966-1971-I-Ancient Numismatics, pubblicato in occasione del Congresso internazionale di New York-Washington a cura della International Numismatic Commission, New York, 1973, 45, n. 48. Si noti, tuttavia, che alcuni fra i titoli delle relazioni ivi citati sono stati modificati dagli autori, nella definitiva reda-

8

ITALIA E SICILIA

in bronzo della città, si articolò in due relazioni introduttive, di PUGLIESE CARRATELLI e di ZANCANI MoNTUORO, e in quattro relazioni principali: GRUNAUER VON HoERSCHELMANN suggerì, per i tre tipi del bronzo di Posei- donia (Poseidon/toro; Zeus/toro; Athena/Poseidon), una distribuzione in 29 gruppi distinti in due periodi: gruppi I-VI: 420-390 a. C. ca.; VII- XXIX: 350-290 a. C. ca.; CRAWFORD propose di datare le emissioni enee di Paestum, sulla base della sua cronologia della monetazione di Roma repubblicana, in due momenti distinti, corrispondenti l’uno alla prima, l’altro alla II guerra punica e ne individuò la funzione nella esigenza di finanziare il contributo della città a dette guerre; un più tardo e piut- tosto disorganico gruppo di emissioni, di età tardo-repubblicana o alto- imperiale, invece, potrebbe essere stato occasionato da elargizioni di privati cittadini o di magistrati; SrAzio illustrò la fisionomia della circolazione monetale nell’ambito della città e, inoltre, delineò le fasi di diffusione della moneta poseidoniate e pestana nell’Italia antica, traendo anche da tali elementi qualche spunto utile a chiarire pro- blemi cronologici relativi a detta moneta; HoLLoway, infine, dal rap- porto tra emissioni d’argento e di bronzo ricavò acute considerazioni sul significato socio-economico della monetazione enea, e non soltanto per Poseidonia. Il vivace dibattito sull’argomento non si è esaurito col Convegno, ma anche successivamente si è arricchito di nuovi contri- buti, sia critici, come quello di MELLO,8* che contesta la funzione “euer- getica” della tarda monetazione pestana sostenuta dal Crawford, sia documentari, come quelli di SALLUSTO,85 la cui improvvisa e prematura

zione, nella forma che qui si riporta: PUGLIESE CARRATELLI, G., Problemi della storia di Paestum, 3-10; ZANCANI MonTUORO, P., Qualche documento dell’arte e dell’artigianato, 11-21; GRUNAUER von HOERSCHELMANN, S., Die Bronzeprägung von Poseidonia, 25-45; CRAWFORD, M., Paestum and Rome-The Form and Func- tion of a subsidiary Coinage, 47-103; Srazio, A., Poseidonia-Paestum: problemi della circolazione monetale, 111-132; HoLLoway, R. R., Poseidonia-Paestum: relazioni tra monetazione d’argento e monetazione di bronzo, 135-143; al dibat- tito sulle relazioni intervennero, con gli autori già citati, L. BREGLIA, C. G. Franciosi, C. M. Kraay, W. JoHANNowsky, E. LEPORE, M. MELLO, N. F. PA- RISE, E. Pozzi PAOLINI, F. SALLUSTO.

64. MELLO, M., La presunta decadenza di Paestum in età tardorepubblicana e impe- riale: due nuovi documenti, Annali Università Lecce 5 (1969-1971), Lecce, 1973, 137-147.

65. SaLLUSTO, F., Monete inedite di Poseidonia, AIIN 16-17 (1969-1970), 47-53; id., Il materiale numismatico delle necropoli pestane di rv e 111 sec. a. C. Precisa- zioni sulla monetazione enea e nuovi problemi, ibidem, 18-19 (1971-1972), 57- OR

9

ATTILIO STAZIO

scomparsa ha, purtroppo, dolorosamente interrotto una benemerita attività di ricerca: di quest’ultimo si segnala in particolare il lavoro sul materiale delle necropoli pestane del IV sec. a. C., in cui la assoluta prevalenza di monete di Velia pone problemi ancor oggi dibattuti. L’attenzione ai problemi della monetazione di bronzo non si è limitata alla sola Paestum, ma ha interessato, sia pure in maniera meno siste- matica, altri ambienti, quali Velia, Metaponto e il Bruzio,” e si è con- centrata, infine, sui problemi dell’inizio delle emissioni enee in Magna Grecia e in Sicilia, nel già citato Convegno di Napoli 1977.88

I rapporti tra le emissioni di alcuni centri della Magna Grecia e quelle di Roma tra la fine del rv e il 111 sec. a. C. sono esaminati, essenzialmente sulla base dei dati forniti dai tesoretti, da BuRNETT® in un articolo in- teso a meglio chiarire le primitive fasi di coniazione dell’argento romano (serie romano-campane): prescindendo, in questa sede, dalle conclu- sioni sulla monetazione romana (per la quale lA. parte dall’accettazione incondizionata della cronologia del Crawford per l'introduzione del denarius, 212 a. C.), sono da segnalare, in particolar modo, alcune osservazioni sulle emissioni di Taranto (per le quali si accetta la propo- sta di Jenkins” di datare i periodi Evans IV e V rispettivamente al 330-320 e al 320-300 a. C., anzichè al 344-334 e 334-302 a. C.), sulle “campano-tarantine”, che sono considerate contemporanee a Taranto VIII Evans e datate pertanto 270-250 a. C. ca., e sulla monetazione di Neapolis, di cui si tenta una sequenza cronologica di gruppi, con agganci a Taranto, Siracusa ed altre zecche attendibilmente databili. Ancora sul 1 sec. a. C. Brucchi” illustra alcune particolarità tipologiche della monetazione dei Bretti, mentre Caccamo CALTABIANO”? esamina le serie bronzee di Petelia, proponendo di datarle in età annibalica (214-204 a. C.) in analogia con la cronologia “bassa” assegnata a suo tempo da

66. cfr. ad esempio, la relazione di M. Napoli e il dibattito seguitone al XV Convegno di Studi sulla Magna Grecia (Taranto 1975), i cui Atti sono in corso di stampa.

67. cfr. ilavori già citati alle n. 16, 17, 59.

68. cfr. n. 54.

69. op. cit. a. n. 11.

70. nel capitolo relativo a Taranto della nuova edizione della Historia Numorum di B. V. Head, in corso di pubblicazione.

71. Bruccut, C., Il sistema di tipi monetali “a coppia” dei Bruzi, QTicNumAntClas IV (1973), 74-82.

72. Caccamo CALTABIANO, M., La monetazione “annibalica” di Petelia, in QTic- NumAntClas, V (1976), pp. 83-101.

10

‚ITALIA E SICILIA

PFEILER (JNG, 14 [1964], 7-50) alle emissioni dei Bretti. La moneta- zione dei Lucani è, infine, oggetto di una rassegna critica da parte di StAZIO,3 nel Convegno sulle genti della Lucania antica e le loro rela- zioni con i Greci d’Italia, organizzato nell’ottobre 1971 dalla Deputa- zione di Storia patria per la Lucania.

Nel campo degli studi sulla circolazione monetale in Magna Grecia, merita di essere segnalata lampia e documentata rassegna di Pozzi PAoLINI sul territorio dell'odierna Calabria; di ambito e, talvolta, di impegno più limitato sono i contributi di De CARO BaLBI” sulla circo- lazione della moneta di Sibari, di Srazio® su quella di Poseidonia, di PARISE” su quella di Locri, di GorInI?8 su quella di monete greche nell'Italia settentrionale. Per quanto riguarda la monetazione dei centri non greci dell’Italia antica, oltre alla breve rassegna di PANVINI Rosati”? sulle emissioni di zecche adriatiche e ai contributi sulla mone- tazione padana, sono da considerare specialmente i risultati del Con- vegno del Centro internazionale di Studi numismatici sulla moneta- zione etrusca.8!

Preceduto da una imponente raccolta di materiali documentari (soprattutto calchi e fotografie provenienti da ogni parte del mondo) il Convegno si è aperto con una relazione storica di CoLonNA,8? che ha illu- strato con acuta e penetrante indagine gli aspetti economici della civiltà etrusca, soffermandosi infine, in una breve appendice, sulla distribu-

73. Stazio, A., Monetazione dei Lucani, Arch. Storico per la Calabria e la Lucania, 40 (1972), 91-105.

74. Pozzi PAOLINI, E., Per lo studio della circolazione monetale in età greca nel territorio dell'odierna Calabria, PP 154-155 (1974), 40-69.

75. DE GaRO BALBI, S., Considerazioni intorno alla circolazione della moneta sibarita nell'Italia meridionale, RIN 76 (1974), 55-75.

70. Op. Cit. a n. 63.

GEES ann, 10;

78. GORINI G., Sulla circolazione di monete greche nell'Italia settentrionale e in Svizzera, in QTicNumAntClas, IV (1973), 15-27.

79. PANVINI Rosati, F., Monetazione preromana sulla costa adriatica italiana, RIN 76 (1971), 83-93.

80. cfr. la rassegna di S. Scheers sulla numismatica celtica alle p. 136 di questo stesso volume.

81. Contributi introduttivi allo studio della monetazione etrusca (Atti del V Convegno del Centro internazionale di Studi numismatici, Napoli, 20-24 aprile 1975), Supplemento al volume 22 degli AIIN Roma, 1976.

82. COLONNA, G., Basi conoscitive per una storia economica dell’ Etruria, op. cit. 3-21; Appendice, 22-23.

11

ATTILIO STAZIO

zione dei pani di aes signatum e sulle conseguenze che da essa possono essere ricavate per lo studio del commercio tra l’Etruria e il mondo cel- tico. La storia degli studi e lo stato della ricerca sono stati presentati da PanvINI Rosatt.83

Un rapido cenno sulle fonti d’approvvigionamento dei metalli è stato fatto da BonI e IpPoLIro,8® mentre sullo stesso argomento Mı- RANDA e FaccHETTI® hanno indicato le possibilità che le moderne tec- niche offrono ai ricercatori. Sorna ha effettuato un sistematico e ana- litico esame del materiale contenuto nei “ripostigli” di bronzi proto- storici dell’Italia centrale, al fine di verificare la validità della teoria che tende ad attribuire loro una funzione premonetale. Fra le relazioni di carattere più tecnicamente numismatico, quella di BREGLIA,8” tendente a inquadrare le emissioni auree con testa di leone nella seconda metà del VI sec. a. C., ha suscitato un ampio e nutrito dibattito, che, fra qualche consenso e numerosi dissensi, ha contribuito a un ulteriore approfondi- mento del complesso problema.

MARTELLI® dal riesame attento e documentato del famoso, ma so- stanzialmente finora sconosciuto, ripostiglio di Volterra (JGCH, 1875), ha tratto, con più precise notizie sulla sua composizione, la conclusione che in esso, insieme a esemplari importati (da Focea e Francia meri- dionale), è presente un cospicuo gruppo di monete locali, fra cui preval- gono per consistenza numerica i tipi dell’hippalektryon/pegaso e della Gorgone. Segue un gruppo di relazioni analitiche, dedicate alla presen- tazione delle emissioni di singole zecche o di serie organicamente coe- renti: SERAFIN®? descrive le serie di sicura attribuzione a Populonia, ne propone una classificazione in gruppi, ma senza alcun inquadramento

83. PANVINI RosatI, F., Gli studi e la problematica attuale sulla monetazione etrusca, op. cit., 25-39.

84. Boni, M., IPPoLITO, F., Provenienza dei metalli per la monetazione etrusca, op. cit., 51-54.

85. MIRANDA, U., FACCHETTI, S., Note sulla determinazone della origine di manu- fatti antichi basata sul contenuto isotopico del piombo, op. cit., 55-60; lo stesso testo, con qualche aggiornamento e nuovi dati, è stato anche presentato alla V Conferenza nazionale sul vuoto, Perugia 1975.